MORELOVE.

yousmileistheparadise
Adolescenza: Periodo della vita che va dai 13 ai 19 anni, nel quale sei troppo piccolo per fare la metà delle cose e troppo grande per l’altra metà. Un giorno ti senti il re del mondo, e il giorno dopo vorresti solo stare a letto sotto le coperte a piangere, finché magari quel viso, quei fianchi, quella pancia non migliorano un po’. Iniziano gli amori, e i dolori. Vuoi amare e non sai come si fa’, vuoi essere amato e non sai come si fa’. I tuoi genitori non ti comprendono e ti senti al guinzaglio continuamente. Sei tutto e niente insieme. La scuola, la stanchezza perenne e il voler semplicemente dormire. I ritardi a scuola, una volta per l’autobus, una volta per saltare l’interrogazione, gli 8 nei temi, e i 5 nelle espressioni, i compiti, che se la materia ti interessa li fai, altrimenti li copi il giorno dopo. Le ore passate al computer. La moda e la massa. I “non ti capisco”. I “sei cambiato”. I “ci vediamo domani”. Gli arrivederci che diventano addii. E i nuovi incontri. Ma la cosa più strana di tutte, è che prima o poi, tutta questa merda ci mancherà da morire.
whenihatemyself
Leggins con i crocifissi, per una processione di troie.

Cit (via itaglisulcuore)

Dopo quelli militari, per un esercito di zoccole?

(via lyansart)

E quelli leopardati per un branco di puttane?

(via mirendevifelice)

E quelli a galassie per un universo di mignotte?

(via deepinmyboness)

RIDO MALE.

(via nonvoglioperdertineoranemai)

Rebloggo solo per i commenti qui sopra

(via vogliadiesserelibera)

Rebloggo a vitaaa :’)

apensartimitremanoipolsi
Io non sono affettuosa, non abbraccio le persone senza motivo, non dico frasi sdolcinate, non mi faccio sentire, eppure ogni mia parola è piena di sincerità, ogni mio gesto è pieno di significato, ogni piccola cosa per me ha un senso.
In poche parole voglio solo dirti: apprezza tutto quello che faccio, non lo faccio per tutti.
yes-imhalfaheartwithoutyou
Ma che ti prende? Ti sei vista allo specchio? Sei uno straccio. Occhi arrossati e gonfi, occhiaie e una tristezza infinita. Capelli scompigliati, raccolti alla buona e da lavare. Saranno pieni di nodi. Guarda. Tremi. Mentre fingi un sorriso , mentre parli, mentre ascolti. Tu tremi. E non mangi mai abbastanza e se lo fai ti abbuffi, come a cercare qualcosa che ti manca. Guardati, sembri un fantasma. Non piangi neanche più.